Archivi categoria: eventi in toscana

Comune di Arezzo – Nuovo sito web per promuovere la città.

Si chiama www.arezzointuscany.it il nuovo web site di Arezzo, strumento utile per fare promozione ad Arezzo, una città che deve proporsi come meta turistica e che deve valorizzare le proprie risorse. La finalità del portale è quella di avere cittadini più informati sugli eventi e sui monumenti, l’assessore Pasquale Macrì si raccomanda affinché tutti si colleghino al portale turistico aretino dove apprenderanno notizie sugli eventi in corso ed in programma. Un cittadino informato diventa anche un buon operatore turistico, un veicolo di informazioni.
Per la realizzazione del portale è stato indetto un bando di concorso pubblico ed una azienda si è aggiudicata il lavoro. Alla riunione, coordinata dal consigliere Fabrizio Piervenanzi, delegato dal sindaco Fanfani a seguire il progetto dall’inizio, fino alla sua realizzazione, era presente il gruppo di lavoro del Comune, l’assessore Paola Magnanensi e il rappresentante della ditta aggiudicataria. Arezzointuscany.it è il nome del dominio precedentemente acquisito dal Comune a tale scopo che permetterà di veicolare online, la storia, le bellezze, gli eventi e tutto ciò che può rappresentare un occasione per far visita alla nostra città. Apposite sezioni verranno dedicate alla Fiera Antiquaria e alla Giostra del Saracino, senza dimenticare tutte le attività che si occupano di accoglienza”.
Arezzo viene presentata con le sue peculiarità, città etrusco-romana, città d’arte, città del cinema, città della musica, città dell’oro. La home raccoglie gli eventi più importanti per cui Arezzo è famosa, La Fiera Antiquaria, La Giostra del Saracino, Icastica, il Polifonico.
Vengono indicati gli uffici turistici, i numeri utili, dove dormire e dove mangiare. Itinerari, eventi, arte e cultura, sport, fiere e mercati.
per prenotazioni b&b arezzo francesco redi

Share

Arezzo – Enzo Romeo – “L’invisibile bellezza. Antoine de Saint Exupéry cercatore di Dio” –

Per il ciclo “Incontri d’Autore”, incontri ad ingresso libero che si svolgono al Circolo Artistico di Arezzo, promossi dall’associazione culturale Ailanthus, ideati e condotti dai giornalisti Antonella di Tommaso e Roberto Messina, sabato 15 Novembre, ore 17,30 sarà presente Enzo Romeo, giornalista di Raidue, apprezzato vaticanista ed autore di molti testi tra cui “L’invisibile bellezza. Antoine de Saint Exupéry cercatore di Dio“.
Il libro è la biografia intima di Antoine de Saint Exupéry un autore, esploratore dell’assoluto, che Enzo Romeo definisce molto attuale e del quale lo scrittore e giornalista di Raidue vuole sondare le profondità del cuore e della coscienza. Questo libro ne ripercorre la vita ricca di avventure e amori. Il suo romanzo più importante è un libro per bambini, “Il piccolo principe”, uno dei libri più letti degli ultimi 60 70 anni, secondo solo alla Bibbia per copie diffuse e per traduzioni. Antoine è morto, a 44 anni, nei cieli di Francia per una missione di guerra, il 31 luglio 1944. La sua opera è da ritenersi molto significativa perché ci suggerisce una direzione, ci dice che c’è qualcosa che vale la pena di affrontare a costo anche della propria vita. Oggi, in una società in crisi l’opera di saint Exupéry ci fa comprendere la necessità di ancorarsi a qualcosa di assoluto e ci suggerisce inoltre che le crisi sociali ed economiche di una società sono prima di tutto crisi etico morali. “L’essenziale è invisibile agli occhi non si vede bene che con il cuore”, ed è ciò che non si vede che fa muovere il mondo. In questa società spesso ci interessa di più l’apparenza mentre Saint Exupéry è un autore che ci rimanda all’essenza delle cose. La vita deve essere un cammino, una ricerca.

Enzo Romeo è nato a Siderno (RC) nel 1959. Ha iniziato la sua attività giornalistica lavorando presso radio e tv locali (TeleRadio Sud, 1981) e scrivendo su vari quotidiani e riviste. Dal 1984 è stato redattore del quotidiano Oggisud, collaborando nello stesso periodo con la Sede regionale Rai per la Calabria. Nel 1988 è passato al Tg1, dove ha lavorato al Tg1 Mattina e poi come vicecaporedattore in vari settori.

Dal 1995 al 1997 è stato caporedattore a Rai International, quindi vaticanista e inviato del Tg2. Come vaticanista ha raccontato i pontificati di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI i loro viaggi apostolici; da inviato è stato su alcuni dei principali fronti di tensione e teatri di politica internazionale degli ultimi decenni. Dal 2002 è responsabile della Redazione Esteri del Tg2 e in tale veste continua a seguire gli avvenimenti mondiali, occupandosi allo stesso tempo di informazione vaticana, dell’attività di Papa Francesco e della vita del mondo cattolico. Scrive su Jesus rivista.

b&b arezzo centro

Share

Sansepolcro (Ar) – ” Rivisitazione: Burri incontra Piero della Francesca” – Mostra –

Dal prossimo 31 Ottobre, a Sansepolcro, Museo Civico, mostra pittorica dell’artista, nato a Città di Castello, Alberto Burri. La Mostra si protrarrà fino al mese di Marzo ed avrà il titolo “Rivisitazione: Burri incontra Piero della Francesca”. Un esponente del Rinascimento italiano ed un pittore contemporaneo, legati dalla provenienza dagli stessi territori vengono accostati in occasione del centenario della nascita di Alberto Burri, artista tifernate nato il 12 Marzo 1915. Il 12 Marzo 2015 sarà la data in cui la mostra terminerà dopo  più di quattro mesi. L’evento è stato, giustamente, prima immaginato e poi realizzato da Riccardo Lorenzi a cura della Fondazione palazzo Albizzini Collezione Burri.

Alberto Burri è un artista che appartiene a quel secolo complicato e difficile che ha visto due guerre mondiali e che ha costretto l’artista ad esprimere, attraverso le sue opere, tutte le ferite che evidentemente lui avvertiva nella sua anima. Medico, durante la seconda guerra mondiale, comincia a progettare i suoi lavori durante la sua prigionia in Tunisia. Il suo oggetto preferito è il sacco, quello di juta. Questi sacchi, che sono ormai tra le opere d’arte contemporanea più famose in tutto il mondo, rappresentarono, all’epoca, oggetto di scandalo. Ci si deve chiedere come poté arrivare Burri a concepire quadri del genere. Non si deve credere ad una scelta casuale ma ad una intenzione lucidissima che guidò l’artista ad individuare nell’apparenza una qualità disgiunta dalla sostanza. La qualità pittorica di un colore, di una determinata materia sorda alla luce, quel senso di usato che gli oggetti da lavoro portano con sé. Attraverso l’uso di tali oggetti, l’artista non voleva attaccare la pittura ma sostituire i materiali della pittura. Anche i pezzi di giornali, incollati apparentemente senza senso in una superficie, frammenti di carta da parati, utilizzati per comporre l’opera sovvertivano lo spazio prospettico rinascimentale al quale tutta la pittura, fino al cubismo, si erano ispirati. Evidentemente gli organizzatori della mostra, che hanno immaginato questo accostamento tra Piero della francesca e Alberto Burri, hanno pensato proprio ad esaltare questo contrasto tra il rinascimento e l’arte contemporanea di cui Burri, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, rappresenta una delle voci più significative.

b&b arezzo centro

Share

Arezzo – Teatro Vedi di Monte San Savino – Amanda Sandrelli con “Tale Madre tale figlia”.

Amanda Sandrelli sarà la protagonista dello spettacolo teatrale “Tale madre tale figlia”, commedia a tratti brillante e paradossale, in scena sabato 11 Ottobre 2014 al Teatro Verdi di monte San Savino – ore 21,15. Le musiche sono affidate ad Enrico Fink.

Il testo si concentra sui rapporti femminili che si sviluppano negli ambienti di lavoro e nella vita sociale in genere. Di particolare interesse per l’autrice sono i conflitti che si creano tra donne, conflitti che Laura Forti, autrice e regista dello spettacolo, ritiene traggano origine dai rapporti tra madri e figlie. Non sempre i rapporti tra le donne sono facili, non sempre si creano delle alleanze. “E’ nel rapporto madre e figlia che va ricercato il primo modello di rapporto utile per fronteggiare altre relazioni femminili, che per le donne sono molto importanti e quindi, per non trasformarsi in vittima o in carnefice di altre donne, il rapporto madre e figlia resta il nucleo fondamentale dell’identità” dice Laura Forti.

La madre e la figlia di questo spettacolo sono due donne fotografate in un momento di grande cambiamento, per la loro vita. Una si avvia verso la maturità e l’altra, adolescente, si affaccia nel mondo adulto, con tutte le  paure e le ansie legate anche e motivi contingenti.  La vicenda si svolge in un bagno, nel bagno della casa. per raccontare il quotidiano, un rapporto intimo che si confronta anche con un esterno molto aggressivo, un mondo competitivo, che porta le donne anche ad essere cattive tra di loro. Il senso dello spettacolo è che se il rapporto tra madre e figlie è risolto i rapporti tra le donne possono essere più empatici. Lo spettacolo è un Work in progress, ha già fatto una tappa a Calenzano e questa è solo la seconda rappresentazione.

Amanda Sandrelli e Laura Forti hanno presenziato, proprio qualche giorno fa, alla presentazione della stagione Teatrale del Teatro Verdi di Monte San Savino. Amanda Sandrelli, con lo spettacolo di sabato prossimo segna l’apertura della stagione e ciò dimostra l’affezione della bella attrice, figlia di Stefania e Gino Paoli, per il nostro territorio. Anche lo scorso anno Amanda Sandrelli ha portato nella nostra provincia, in molti Teatri, il suo precedente spettacolo “CredoinunsoloDio”.

b&b arezzo francesco redi

Share

Arezzo & Fotografia – 26 Settembre 5 Ottobre 2014 –

Da venerdì 26 settembre a domenica 5 ottobre 2014,  Arezzo diventerà capitale della fotografia d’autore. “Arezzo & Fotografia” è già alla quinta edizione (è una biennale) e consiste in una serie di Mostre fotografiche, in varie sedi della città, che hanno riscosso un ottimo riscontro di pubblico nelle passate edizioni e che anche quest’anno vengono riproposte per ‘iniziativa dell”Associazione fotografica Imago che oltre a diffondere la passione per la foto e per tutte le sue tante tecniche propone al grande pubblico scatti artistici di autori conosciuti ed apprezzati.

Venerdi 26 Settembre – 16:00
AREZZO FACTORY 13 ,via Masaccio, 6
Taglio del nastro e brindisi
INAUGURAZIONE – 17:00
PICCOLO EDEN 11 , via Antonio Guadagnoli, 2
Proiezione del video di Arezzo&Fotografia

Venerdi 26 Settembre – 16:00AREZZO FACTORY 13 ,via Masaccio, 6Taglio del nastro e brindisiINAUGURAZIONE – 17:00PICCOLO EDEN 11 , via Antonio Guadagnoli, 2 Proiezione del video di Arezzo&Fotografia –

Sabato 27 Settembre – 15:00/18:00 – PICCOLO EDEN 11 , via Antonio Guadagnoli, 2 – “Uno sguardo sulle reciproche influenze fra pittura e fotografia nel corso del Novecento” a cura di Daniela Meli –

Sabato 27 Settembre – 21:00/23:00 Sede Ass. Fotografica Imago 12 , via Vittorio Veneto, 33/20 – Sala Conferenze “FRANCO GRADONI” la conferenza del direttore di GENTE DI FOTOGRAFIA Franco Carlisi –

Domenica 28 Settembre -18:00 -EDEN sala grande 11 ,via Antonio Guadagnoli, 2 -Presentazione del libro di Luca Cini (fotografia) e Luca Saracino (testi) dal titolo “Silenziosamente” lettura dei brani da parte di Roberto Vergelli Un libro di storie. Un libro di storie comuni e non comuni. Un libro fatto di racconti e fotografie. I racconti di Luca Saracino dialogano con le immagini di Luca Cini. Racconti brevi, scarnificati, essenziali, lapidari, narrano di esistenze ordinarie, dove lo straordinario è proprio dell’ordinario, racchiusi in una cornice di senso e non senso. Foto come lampi di luce e ombra, colori, contorni sfocati, evocazioni e ricordi, dettagli nascosti nell’evanescenza dell’immagine. Racconti come fotografie, fotografie come racconti racchiusi in un quadrato; storie dalle periferie della realtà. Luca Cini e’ nato a Firenze nel 1960. Vive e lavora a Firenze. Ha esposto le sue opere fotografiche in Italia, negli USA, in Russia. Luca Saracino e’ nato a Fiesole nel 1980. Vive e lavora a Firenze. Ha pubblicato nel 2012 la raccolta di racconti “Prima del capolinea”. Dal 2008 scrive sul blog “Siamelli”.

Domenica 28 Settembre – 9:45/13.00 – 15.00/18.00 presso Agriturismo “ Tenuta Il Palazzo” loc. Antria Arezzo “Dream Pin Up” and “Glamour”Conduttore del workshop Alessandro Barbagli – All’evento parteciperanno le splendide modelle Effe Plume Mo e Redsnow e la MUA Gioia Dini. L’evento è stato organizzato dall’AssociazioneFotografica Imago, da Alessandro Barbagli e Lorenzo Marinelli. La sessione mattutina sarà dedicata allo scatto in esterna(tempo permettendo)  e sarà dedicata all’arte Pin Up, mentre la sessione pomeridiana sarà dedicata alla fotografia Glamour(con scatti in interna). Non è richiesa attrezzatura particolare… la vostra reflex  e l’obiettivo piu luminoso che avete. I posti sono limitati. Per prenotazioni e informazioni contattare Alessandro Barbagli all’indirizzo info.barbagli@gmail.com – Costo 60€ (50€ per i soci imago)

Sabato 4 Ottobre – 9:45/13:00 – 15:00/18:00 – Sala Conferenze “FRANCO GRADONI” 12 nella sede dell’Ass. Fotografica Imago, in via Vittorio Veneto, 33/20 (AR) – “La Macchina col Buco” Workshop di fotografia stenopeica. Il workshop sarà condotto dalla “Banda del Buco”. Roberto Lavini e Moreno Purgatori – Programma: Introduzione alla fotografia stenopeica: – Rassegna di alcuni autori che hanno usato la fotografia stenopeica in ambito artistico. – Perché fotografare con il foro, come funziona otticamente e cosa si può ottenere con gli esperimenti più comuni. Come si costruisce il foro. Costruzione dei fori e delle camere con i kit messi a disposizione. Caricamento con carta fotografica. Uscita. Sparsi in centro con la tabella delle esposizioni e la reflex per misurare l’esposizione e immortalare la situazione. Sviluppo, arresto, fissaggio e risciacquo delle foto ottenute. Analisi e riflessioni sul lavoro svolto. Il costo dell’evento è di €25 e i posti sono limitati per prenotazioni e informazioni –

Domenica 5 Ottobre – 9:45/12.00 – 14.00/17.00
Sala Conferenze “FRANCO GRADONI”
in via Vittorio Veneto, 33/20
nella sede dell’Ass. Fotografica Imago, 12
“Portfolio fotografico artistico/professionale”
Docente del workshop Frank Dituri
Massimo 10 persone
Prenotazione obbligatoria
I partecipanti devono inviare, insieme all’iscrizione,
un breve curriculum e indirizzo eventuale sito internet.
Presentarsi poi al ws  con un proprio portfolio di 10/15 opere.
Qui tutte le informazioni sulle esposizioni: http://www.arezzoefotografia.com/images/stories/Serv/arezzofotografia.pdf
Percorso espositivo  Parcheggio baldaccio –  Oratorio di San Lorentino e Piergentino – Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna
Via San Lorentino, 8 – Camera Chiara, Via del Saracino, 20 – Circolo Artistico, Corso Italia, 108 –  Spazio espositivo del Fotoclub “La Chimera” – Sala della Fraternita – Casa del Petrarca – Coffee O’Clock – Galleria 33 – Arena Eden – Associazione Imago –  Arezzo Factory – Infopoint – Sala di Via Ricasoli –

b&b arezzo

Share

Sansepolcro (Ar) – Glen Matlock dei Sex Pistols – sabato 20 Settembre 2014 –

Presso il Palazzo delle Laudi di Sansepolcro, Sabato 20 settembre 2014, presenzierà Glen Matlock, leader e fondatore del gruppo musicale punk Sex Pistols,  durante la manifestazione “Terzo Tempo“, appuntamento culturale gratuito, che ha la finalità di analizzare periodi storici precisi attraverso le esperienze degli stessi protagonisti. Glen Matlock è una figura chiave del punk inglese,  bassista e mente musicale del gruppo più significativo di questo genere musicale, i Sex Pistols, può aiutarci, attraverso ill racconto della sua esperienza a comprendere meglio questo fenomeno musicale, il punk, nato in un preciso momento storico e culturale, che si differenzia, però, dal punk americano. I sex Pistols sono una Band conosciuta e chiaccherata per i loro stravaganti concerti della fine degli anni 70. Il gruppo si forma a Londra nel 1975 e rimangono insieme  3 anni, realizzando solo 4 singoli ed un solo album. I sex Pistol debbono proprio a Glen Matlock la composizione dei brani più famosi della Band che, uniti alle liriche al vetriolo di Johnny Rotten/John Lydon, hanno reso i Sex Pistols una delle band più conosciute e bandite della fine degli anni settanta.

Il  suggestivo titolo della serata del 20 Settembre a Sansepolcro sarà “Il Punk: Una Storia Di Rock ‘N’ Roll E Di Spinta Sociale”. In un unico evento, diviso in tre momenti di 45 minuti ciascuno, il tema proposto viene affrontato da punti di vista differenti: il primo tempo sarà dedicato ad un incontro – discussione con l’artista, il secondo tempo alla sua esibizione ed il terzo tempo (come nella tradizione rugbystica) alla convivialità.

Alle ore 18 l’aperitivo d‘inaugurazione del progetto Terzo Tempo, che sarà presieduto da Enzo Gentile, scrittore e critico che ha collaborato con la quasi totalità della stampa musicale e non del Paese, con la proiezione di una sua intervista inedita a Johnny Rotten, cantante dei Sex Pistols.
Poi si prosegue con la prima parte della manifestazione (ore 21) e Matlock sarà intervistato da Stefano Gilardino, considerato all’unanimità il giornalista italiano del Punk e storica firma di riviste quali XL e Rocksound, oltre che autore di libri fondamentali per il settore come “100 Dischi Ideali Per Capire Il Punk” (Editori Riuniti). Successivamente (ore 21.45) il musicista interpreterà alcuni dei suoi brani più noti ed alcune cover all’interno di un’intensa esibizione acustica, per poi (ore 22.30) lasciare spazio ad un dj set con brani scelti da lui per l’occasione.

Terzo Tempo – Il programma completo

Ore 18 – Aperitivo e presentazione del progetto Terzo Tempo alla presenza di Enzo Gentile
Ore 21 – Primo Tempo: Stefano Gilardino intervista Glen Matlock
Ore 21.45 – Secondo Tempo: Concerto di Glen Matlock
Ore 22,30 – Terzo Tempo: Dj Set con playlist suggerita da Glen Matlock

Durante la serata Health bar con prodotti di Aboca, e cocktails preparati con le Maracas-Caffè River. Sarà presente la Strada dei Sapori Valtiberina con stand gastronomici

Il Progetto Terzo Tempo è in collaborazione con lo studio Trefoloni e Associati media partner dell’evento.

b&b arezzo francesco redi

Info:

Share

Arezzo – Michele Placido ad Icastica –

Icastica, la mostra di Arte Contemporanea in corso ad Arezzo terminerà il prossimo 31 di Ottobre. Il prossimo vip che verrà in visita sarà Michele Placido, martedì prossimo 16 Settembre. L’attore e regista verrà accompagnato alla mostra da Pasquale macrì Assessore alla cultura e da Fabio Migliorati Direttore Artistico di Icastica. Il percorso inizierà dalla Galleria Comunale di Arte Contemporanea di Piazza San Francesco e chiunque otrà aggregarsi e vedere le famose opere on una compagnia straordinaria. Partenza alle 11 e 15.

Michele Placido è pugliese, nato nel 1946. E’ diventato famoso ed amatissimo per le sue partecipazioni nella lunga serie televisiva sulla mafia “La Piovra,  nella quale interpretava il ruolo del Commissario Carlo Cattani. Il film per la tv “La Piovra” ha rappresentato una occasione approfondimento per la comprensione del fenomeno mafioso italiano.

Damiano Damiani e Marco Bellocchio sono stati e registi più importanti perla sua carriera di attore, “L’arte nobile del cinema” lui dice, attraverso la quale si imparano i tempi del cinema, fondamentali per un attore.

b&b arezzo francesco redi

Share

Anghiari – Gigi Proietti al Festival dell’Autobiografia –

Nel 1998 è nata ad Anghiari la Libera Università dell’Autobiografia, dai promotori Duccio Demetrio e Saverio Tutino. Saverio Tutino è lo stesso giornalista che fondò, nel lontano 1984, l’archivio del diario a Pieve Santo Stefano.
Alla libera università dell’Autobiografia è legato un Festival che si svolge ogni anno a Settembre. Quest’anno il Festival, per la premiazione della migliore autobiografia, si svolgerà da giovedì 11 a domenica 14 settembre 2014.
Ventidue i testi arrivati per partecipare a quest’ultima selezione e dieci i finalisti che racconteranno i propri lavori di studio e ricerca nel pomeriggio di venerdì 12 Settembre al Teatro di Anghiari.
La commissione, presieduta da Duccio Demetrio e composta da vari docenti universitari esperti nelle tematiche, vede la collaborazione della Giunti Editore e dell’Archivio dei Diari di Pieve Santo Stefano.
La sezione studi e ricerche offre la possibilità all’autore della ricerca vincitrice di frequentare gratuitamente la Scuola di scrittura Autobiografica e Biografica della Libera Università dell’Autobiografia.
A Gigi Proietti è stato assegnato il premio Anghiari, città dell’Autobiografia 2014, premio che l’attore ritirerà personalmente domenica 14 settembre per aver scritto la propria autobiografia. All’interno del festival, ovviamente, c’è spazio per tutti, per coloro che hanno la voglia di scrivere la storia della loro vita. L’incontro con Gigi Proietti è previsto per le ore 15, 00 del 14 di Settembre, al Teatro dei Ricomposti. Sarà presente anche il Sindaco della cittadina, Riccardo La Ferla.
Gigi Proietti ha scritto la sua autobiografia dal titolo “Tutto sommato qualcosa mi ricordo” edito da Rizzoli, quattro chiacchere, come dice lui nell’introduzione, sul passato, sperando che a qualcuno interessi.

b&b francesco redi arezzo

Share

Pieve Santo Stefano – città del Diario – dal 18 al 21 Settembre 2014 – “Premio Pieve” –

A Pieve Santo Stefano, cittadina toscana ai confini con la Romagna, accade ogni anno qualcosa di straordinario. Viene assegnato un premio importante, il “Premio Pieve”. Un giornalista importante, Saverio Tutino, nel lontano 22 novembre 1984, esattamente trent’anni fa, scrisse su Repubblica: “avete un diario nel cassetto? Piuttosto che lasciarlo ai topi del 2000 depositatelo presso la banca dei diari, che ha da poco aperto in Toscana e che sarà una delle mille pietre per una costruzione nuova per gli studiosi di domani”. Quel giornalista è il fondatore dell’Archivio diaristico nazionale, che ha sede a Pieve Santo Stefano. Insieme alla banca dei diari venne istituito un premio, che quest’anno verrà assegnato dal 18 al 21 settembre, a Pieve Santo Stefano. Inquesti trent’ anni, le mille pietre sono diventate settemila e rappresentano una ricchezza incommensurabile per la costruzione del passato del nostro paese, non quella che si legge nei libri di storia.

Questo straordinario compleanno è occasione di riflessione, i buoni progetti sono sempre premiati e questo lo era.

Molti gli eventi collaterali. Segnaliamo con piacere alle 18,30 di giovedì 18 settembre una proiezione del film “Quando c’era Berlinguer” di Walter Veltroni che interverrà personalmente insieme a Bianca Berlinguer che parlerà proprio del padre. Presso il Teatro Comunale, ore 18.30.

b&b francesco redi arezzo

Share

Arezzo – Valeria Parrella – 24 Luglio 2014 – ore 21,00

b&b arezzo francesco redi informa che in data 24 Luglio, intorno alle 21,00, prima dell’incontro con Marco Malvaldi, il Giardino delle idee presenta il “Tempo di imparare” di Valeria Parrella, romanzo intimo e civile, il nostro cives parte dal profondo, non è un atteggiamento di superficie, dice l’autrice. La storia racconta di una madre, che combatte a fianco al figlio, Arturo, disabile, entrambi  dentro ad un sistema che con difficoltà sa affrontare la diversità. E così lo sguardo della madre, intimo e profondo deve per forza coincidere con quello della cittadina in cui vivono lei ed il figlio. Il tema della disabilità viene affrontato per questioni personali ma, in generale, l’autrice si interessa ed approfondisce sempre, con i suoi libri, tutte le maternità complesse. Edito da Einaudi il romanzo ha un titolo interessante “Tempo di imparare”, si impara ad essere madri e ad esserlo di Arturo, è  la storia di un apprendimento ribaltato, dall’insegnante all’alunno, al discepolo ma in realtà, in questo caso, è il figlio autistico, che riesce a superare le sovrastrutture precostituite ed insegnerà moltissimo alla madre. Si tratta anche di un monologo di una donna che cerca di trovare le parole. La madre non ha nome, stranamente. La struttura narrativa è come un libro di appunti, riflessioni di tipo cupo malinconico che sfociano in immaginarie scene di violenza che la madre immagina di fare dentro ambulatori medici.

Valeria Parrella è una scrittrice italiana nata a Torre del Greco nel 1974. Ha scritto un libro importante “Lo spazio bianco” da cui è stato sceneggiato un film interpretato anche da Margherita Buy. La presenza costante del mare offre l’idea di una entità equilibratrice, calmando le persone più tese.

Share