Mostra Alessandro Marrone

Presso AC Hotel di Arezzo, via Einstein, dal giorno 14 novembre, fino a sabato 12 dicembre è in corso la mostra sperimentale con le opere di due artisti aretini, lo scultore Alessandro Marrone ed il pittore e poeta Ivan Cipriani Buffoni. La mostra si intitola “Fogli, forme, parole” La mostra è visitabile gratuitamente ed è nata da una collaborazione tra i due artisti che hanno deciso di combinare il loro diverso talento: la buona riuscita di tale sintesi tra sculture, poesie e dipinti ha fornito gli stimoli per organizzare “Fogli, forme, parole”. Al cuore dell’esposizione vi sarà il cruscotto originale di un aereo F-104 caduto nel 1991 durante la Guerra del Golfo che Marrone e Cipriani Buffoni hanno recuperato e trasformato in un’opera d’arte volta a simboleggiare la fragilità della vita umana. «L’obiettivo di questa mostra – spiegano i due autori, – è di dar vita ad un gioco tra tre forme artistiche, mostrando come la loro unione possa contribuire a raccontare una storia in tanti diversi modi. Le parole racchiuse nelle poesie, infatti, troveranno espressione concreta nei colori dei quadri e nella tridimensionalità delle sculture, creando un tutt’uno rinforzato da una scenografia di forte impatto visivo ed emotivo». Per Sabato 12 dicembre è in programma un’asta di beneficenza il cui ricavato sarà in parte devoluto alla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.
Alessandro Marrone è nato in Svizzera nel 1966 e risiede ad Arezzo – Si è diplomato presso l’Istituto d’Arte di Arezzo nel 1983 ed ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Firenze sez. scultura . Tra i suoi maestri privati ha seguito un corso di ceramica con il Professor Guerrieri di Cortona Arezzo e un corso di pittura figurativa con il Maestro Luigi Cherubini (Ar), allievo del più conosciuto P. Annigoni. Tra le mostre personali, nel 2008- New York U.S.A. Consolato Italiano con I.L.I.C.A. e UNISTRASI 29 Marzo e nel 2010 FLIGT TO THE FUTURE John D. Calandra Italian American Istitute the City university of New York.

b&b arezzo centro
Paolo e francesca