Arezzo – Orchestra Sinfonica Guido D’Arezzo – primo concerto stagione 2015 –

Nel panorama musicale aretino si staglia con sempre maggior prestigio la stagione sinfonica dell’Orchestra Sinfonica Guido d’Arezzo; ascoltare i grandi capolavori del repertorio sinfonico interpretati dalla nostra compagine è un evento che non può passare in sordina.

Nel mese di luglio saranno programmati 3 concerti sinfonici dove saranno eseguite pagine immortali, da tempo immemore non eseguite nella nostra città.

Il primo appuntamento è fissato per domenica 5 luglio alle ore 21.15 nel Chiostro del Seminario Vescovile di Arezzo: il concerto per violino op. 61 di L. van Beethoven ed il Concerto per violoncello di C. Saint-Saens saranno i due brani eseguiti in questa serata inaugurale di MusicARezzo (questo è il titolo della stagione concertistica).

Anche soltanto per la visita al Chiostro, luogo poco conosciuto del nostro ambito cittadini, varrebbe la pena di presenziare al concerto.

Ad interpretare i suddetti capolavori due giovani artisti, fratello e sorella, vincitori entrambi del Premio Abbado 2015: Gennaro e Raffaella Cardaropoli.  Raffaella Cardaropoli di Bracigliano si è diplomata a soli 14 anni col massimo dei voti, lode e menzione d’onore al Conservatorio “G. Martucci” in violoncello nella classe del maestro Liberato Santarpino.  Proveniente da una famiglia di musicisti di Bracigliano,  si esibisce con il fratello Gennaro, anche lui musicista violinista, attualmente in Germania, suona nella Mannheim Filarmoniche (anche lui diplomato giovanissimo a 15 anni col massimo dei voti, lode e menzione speciale).  Raffaella Cardaropoli si è già esibita in numerosi concerti da solista e in orchestra, classificandosi al primo posto in prestigiosi concorsi Nazionali ed Internazionali quali: Vittorio Veneto, Taranto, Camerino, , Bari, Firenze, Roma, Pescara, Caccamo ed ha seguito Master-classes con prestigiosi docenti quali: Vecchio, Ionescu, Flaksmann, Filippini, Ocic. Raffaella ha partecipato trasmissioni televisive alla Rai, vincitrice nella finale della trasmissione “Conservatorio a confronto”.

La stagione concertistica si affianca all’attività formativa, oramai da anni perseguita dall’Associazione: in questi giorni; come ci fa presente il M° Matteo Andreini direttore artistico dell’Orchestra Guido d’Arezzo, in città risuonano le note di circa 60 musicisti provenienti non solo dall’Italia ma anche da paesi esteri quali Cina, Stati Uniti, Spagna guidati dalla maestria di prestigiosi docenti internazionali: il tutto con la superviosione del M° Stefano Pagliani, insigne musicista, per anni primo violino di spalla del Teatro alla Scala di Milano, docente presso importanti Istituzioni educative internazionali e diretto principale della Guido d’Arezzo.

raffaella cardaropoli

 

b&b arezzo