Arezzo – Affreschi di Piero della Francesca – Ingresso gratuito prima domenica del mese – Polemiche –

Entriamo nella polemica che si è scatenata nei mezzi d’informazione circa l’ingresso alla Basilica di San Francesco nella prima domenica del mese. Dario Franceschini ha istituito l’ingresso gratuito a tutti i musei italiani nella prima domenica del mese. Ad Arezzo, nella prima domenica del mese, si svolge, contemporaneamente, la Fiera Antiquaria. Questo sovrapporsi di opportunità consente, da una parte, al visitatore di combinare entrambe le possibilità nello stesso giorno, mentre, dall’altra parte, il polo museale aretino si trova nella necessità di gestire uno spropositato afflusso di persone che si riversano contemporaneamente, sopratutto in certi orari, all’interno della Basilica di San Francesco. Il punto di rottura si è svolto durante l’ultima Fiera Antiquaria di gennaio quando la richiesta d’ingressi, alla Basilica di san Francesco, ed alla Cappella Bacci, con gli affreschi di Piero, è diventata consistente. Da una parte il diritto di chi poteva entrare per legge, e tale legge voleva esercitare, e dall’altra la preoccupazione di gestire una richiesta forse senza precedenti.
Le polemiche sono state molte, da una parte la preoccupazione di proteggere gli affreschi non consentendo l’ingresso a non più di 25 persone per volta e dall’altra il diritto di usufruire dell’ingresso gratuito. Tra l’altro il diritto alla prenotazione di 2 euro, che all’inizio era stato mantenuto per meglio organizzare le visite, non era dovuto. C’è stata una precisazione del ministero dei Beni culturali durante il mese di ottobre e da Novembre tutto è totalmente gratuito. Chi si è visto negare l’ingresso ha pertanto reagito. Aretini ed anche visitatori stranieri. Ci fa piacere apprendere che la posizione della Sovrintendenza sia quella di cercare di conciliare i diritti di tutti. Le guide e chi fa accoglienza alla Biglietteria dovrà cercare di far passare più gente possibile in ottemperanza di quanto è disposto nella legge che regala a chiunque la visita a tutti i musei italiani nella prima domenica del mese.
Ci sembra un’opportunità interessante a promuovere visite ai monumenti italiani per incentivare l’apprezzamento verso l’arte italiana che fino ai primi del novecento era la più ricca del mondo.